A Sesto fiorentino si tassa anche l'ombra

Sei un commerciante o un artigiano e vuoi che i tuoi clienti guardino la tua vetrina senza arrostirsi al sole? Bene, a Sesto Fiorentino devi pagare la tassa sull’ombra: quella proiettata al suolo dalla tenda che hai montato sulla parete del tuo negozio.

La tassa rientra nella Cosap, il Canone per l'Occupazione di Spazi e Aree Pubbliche, e ha un importo che varia, a seconda della categoria in cui si è inseriti (in base a parametri come l’importanza dell’ubicazione o la densità di traffico) da 13,50 euro (categoria 1) a 12 euro (categoria 2) al metro quadro.

“Un fisco ostile all'attività d'impresa, da riformare in fretta, anche partendo dal livello locale, da tasse surreali come questa che, per esempio, il Comune di Firenze ha abolito. È un invito esplicito alla riorganizzazione e razionalizzazione fiscale che, per quanto loro compete, rivolgiamo al futuro sindaco e alla futura Giunta - commenta Paolo Gori, presidente di Confartigianato Piana Fiorentina - Con la tassa sull’ombra, infatti, dobbiamo anche pagare imposta di soggiorno, Tari, Imu/Tasi, insegne, Siae, Rai, SCF, Ires/Irpef, Inps, Irap, Inail, addizionali regionali e comunali Irpef e diritto annuale alla Camera di Commercio. Un labirinto di tasse e imposte, l’una distinta dall’altra per scadenze e modalità di calcolo e pagamento, in cui è obiettivamente difficile orientarsi”.

Al “danno” si aggiunge però la beffa qualora il negoziante abbia anche occupato il suolo antistante il negozio con dei tavolini, pagando per questo la dovuta Cosap. Infatti, in questo caso, è possibile anche riuscire a pagare l’occupazione della stessa porzione di suolo due volte: quella per i tavolini e quella per l’ombra che la tenda proietta su di essi.