Sospeso il fermo dell'autotrasporto merci del 23 gennaio

ImageFirenze, 20 gennaio 2012- Confartigianato Trasporti Firenze ha partecipato all'assemblea unitaria di UNATRAS a Roma ieri 18 gennaio con il Presidente Provinciale Roberto TEGAS.
L’Esecutivo di Unatras (Unione Nazionale delle Associazioni dell’Autotrasporto merci), ha affrontato le questioni che hanno portato alla proclamazione del fermo dei servizi.
Il dibattito ha confermato il grave disagio sofferto dalla categoria degli autotrasportatori che, anche a seguito dell’aumento dei costi del gasolio e della mancata attuazione dei provvedimenti che derivano dalle vigenti normative, giustificherebbe l’attuazione del fermo dei servizi.
L’Esecutivo di Unatras, tuttavia, non può non tenere conto né degli impegni concreti assunti dal Governo e che il Ministro dello Sviluppo Economico, delle Infrastrutture e dei Trasporti Corrado Passera ha illustrato in Parlamento, né della grave situazione nella quale si trova l’economia del Paese.
Gli impegni presi dal Ministro Passera sono i seguenti:
• a predisposizione del decreto di ripartizione dei 400 milioni;
• la garanzia del mantenimento dei costi incomprimibili della sicurezza;
• la conclusione dell’iter tra i ministeri interessati per il nuovo decreto sui controlli;
• la messa in mora, con segnalazione all’antitrust, per i premi assicurativi praticati dalle compagnie di assicurazione;
• l’anticipo del recupero del gasolio per l’anno 2011 e la predisposizione del decreto per il recupero che dal 2012 avverrà ogni trimestre;
• la decisone di rivedere la norma per l’accesso alla professione, come richiesto dalle associazioni.
Per tali ragioni l’Esecutivo di Unatras ha deciso di sospendere il fermo, riservandosi, nei  60 giorni ,il diritto di dare attuazione all’iniziativa proclamata qualora gli impegni del Governo non venissero rispettati nei tempi tecnici necessari alla conversione in legge dei provvedimenti annunciati in Parlamento.
Confartigianato Trasporti Firenze, convocherà un’assemblea per illustrare tali provvedimenti ed il funzionamento dei costi minimi della sicurezza.