TOSCANA ZONA ARANCIONE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TOSCANA ZONA ARANCIONE DAL 6 DICEMBRE 2020

 

E’ stata pubblicata l’Ordinanza del Ministero della Salute che aggiorna lo scenario della Toscana declassandolo a “elevata gravità” ZONA ARANCIONE.
Queste le nuove misure per le imprese (che si sommano alle precedenti, come l’obbligo di indossare la mascherina nei luoghi chiusi, di esporre il cartello che riporti il numero massimo delle persone consentite nel locale e gli altri cartelli obbligatori, distanza interpersonale, igiene delle mani etc).
Dalle 22.00 alle 5.00 del giorno successivo consentiti solo spostamenti motivati da
1) comprovate esigenze lavorative
2) da situazioni di necessità
3) per motivi di salute
Raccomandazione di non spostarsi negli altri orari se non per esigenze lavorative, di studio, motivi di salute, situazione di necessità, per svolgere o usufruire di servizi non sospesi

Possono riaprire le attività di commercio al dettaglio e i servizi alla persona precedentemente sospesi in zona rossa.

Rimangono sospese le attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò anche se svolte all’interno di locali adibiti ad attività differenti come ad es bar, tabaccherie etc.

Confermata la chiusura nei giorni festivi e prefestivi degli esercizi commerciali all’interno dei centri commerciali e dei mercati (ad eccezione farmacie, parafarmacie, vendita generi alimentari, tabacchi ed edicole)

Le attività di ristorazione (fra cui bar, pub ristorante, gelaterie, pasticcerie) rimangono sospese. Restano consentiti solo la consegna a domicilio e, fino alle ore 22.00, l’asporto con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.

Divieto di spostamento in entrata e in uscita dalla Regione, salvo che per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o per motivi di salute.

Divieto di spostamento in un comune diverso da quello di residenza o abitazione, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di studio, situazioni di necessità o per motivi di salute o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi e non disponibili nel proprio comune. All’interno del proprio Comune non è necessario motivare lo spostamento.

Ricordiamo che è stato istituito su tutto il territorio nazionale il divieto di spostamento tra Regioni (anche se gialle) tra il 21 dicembre 2020 e il 6 gennaio 2021. Nei giorni 25-26 dicembre e 1 gennaio è inoltre vietato anche lo spostamento tra comuni. È confermato il divieto di spostamenti tra le 22.00 e le 5.00 (ampliato alle 7.00 il giorno 1 gennaio 2021).

Misure valide dal 6 dicembre per 15 giorni, salvo inserimento della Toscana in zona gialla o rossa a seguito di Ordinanza del Ministro della Salute.