Un patto per gli artigiani di Firenze

Riparte dall’Oltrarno l’impegno condiviso da Comune di Firenze e Confartigianato per il sostegno, il rilancio e la promozione dell’artigianato della città. Un kit di interventi passati questa mattina al vaglio dell’assessore Giovanni Bettarini, del vicepresidente e del segretario generale dell’associazione degli artigiani, Alessandro Vittorio Sorani e Jacopo Ferretti, che, proposti come progetto pilota in Oltrarno, s’intende poi replicare negli altri quartieri della città.

“Un primo intervento lo si sta testando proprio in questi giorni con Alessandro V. Sorani, Giovanni Bettarini, Jacopo FerrettiNatale è… l’Oltrarno, il ricco calendario di eventi ideato, organizzato e gestito in toto da Oltrarno promuove 2.0 Onlus, la neonata associazione per lo sviluppo economico e sociale del quartiere fondata a novembre da Confartigianato e dalle altre associazioni che rappresentano la piccola e media imprenditoria (Confesercenti, CNA e Confcommercio) e finanziato dagli stessi imprenditori attraverso i contribuiti che annualmente versano alla locale Camera di Commercio” informa Alessandro Vittorio Sorani, vicepresidente vicario di Confartigianato Imprese Firenze, nonché presidente di Artex, il Centro per l’Artigianato Artistico e Tradizionale della Toscana.

Un primo risultato della maggiore apertura di Palazzo Vecchio alle crescenti esigenze dell’artigianato, evidenziate costantemente da Confartigianato, che ha condotto anche ad un rinnovato patto tra l’associazione ed l’amministrazione comunale che punta direttamente alla piena valorizzazione di una componente economica e culturale così importante per la città.

“Siamo impegnati a valorizzare al massimo il ruolo dell’artigianato artistico come fattore economico, elemento sociale e di collegamento con il turismo – ha detto Bettarini - Mantenere e rilanciare la radice di creatività che ha fondato l’identità di questa città è uno strumento potentissimo per promuovere Firenze. Dopo la grande azione messa in campo con Amazon e il progetto per dare nuova vita al Vecchio Conventino facendone davvero il centro dell’artigianato fiorentino – ha proseguito Bettarini – andiamo avanti con gli interventi di promozione e innovazione nel quadro di un progetto integrato per l’Oltrarno. Eventi, riqualificazione delle strade e delle piazze, più illuminazione e nuovo arredo urbano per sostenere un modello di sviluppo in grado di unire qualità e innovazione in una città che cambia e diventa sempre più attrattiva”.

La serie di interventi esaminati da Bettarini, Sorani e Ferretti comprendono, tra gli altri, la creazione di un Oltrarno point (luogo di informazione turistica e merchandising di alta gamma con prodotti realizzati dagli stessi artigiani); l’installazione di frecce direzionali che, sull’esempio delle maggiori città europee, segnalino percorsi turistici e botteghe caratteristiche; il posizionamento di bandiere e stendardi che connotino i diversi rioni; la tinteggiatura delle saracinesche ripulite dagli Angeli del bello con colori caratteristici per ciascuna via; la creazione e valorizzazione di un brand Oltrarno.

L’incontro ha stabilito inoltre un gradito ritorno: la riprogrammazione nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, con il patrocinio del Comune, de La Giornata dell’Artigiano, la tradizionale manifestazione che Confartigianato mette in scena ogni anno per premiare e festeggiare l’artigianato di lungo corso, che nel 2016 raggiungerà la sua 49° edizione. Ad essere premiati con i classici Fiorini d’oro ed i diplomi di anzianità saranno gli artigiani di Firenze e provincia ‘a bottega’ minimo da 30 anni ed imprese in attività da almeno 50 (per partecipare, inviare la propria candidatura a segreteria@confartigianatofirenze.it corredata da visura camerale che attesti l’anzianità dell’impresa).

Bettarini, Sorani e Ferretti hanno infine affrontato la questione della nuova destinazione di edifici comunali tornati liberi (dall’ex Tribunale alla Caserma Mameli) che Confartigianato richiede come sede permanente di una mostra mercato dell'artigianato di alta qualità, in modo che, a rotazione, possano esporvi nomi noti, emergenti e sconosciuti della migliore produzione fiorentina.

Si fa tanto un gran parlare dell’impegno che gli imprenditori devono mostrare nei confronti della loro città. Bene, è proprio con progetti concreti come quelli di cui abbiamo discusso oggi che lo facciamo. Investendo il nostro tempo e la nostra professionalità, ma anche il nostro denaro (amo ricordare che interventi come La Casa delle Eccellenze nel periodo Expo ed oggi il Natale in Oltrarno sono finanziati con il denaro versato dagli imprenditori alla Camera di Commercio) nella buona riuscita di eventi che abbiano ricadute positive per cittadinanza e attività imprenditoriali” ha concluso Sorani.

11.12.2015